camillo.jpg (34234 byte)


Agenzie di stampa

Adnkronos

Agenzia Italia

Ansa

Asca

France Press
Italpress

Reuters

Associated Press


EUROMETEO.COM

Prima Pagina un servizio di Albaria per evidenziare alcuni avvenimenti che corredati da immagini fotografiche potranno essere in seguito pubblicati anche sulla rivista Albaria Magazine

Pubblicazioni
Prima Pagina
1998

Pubblicazioni
Albaria Magazine

Chi Siamo

Copyright 1997 Albaria Magazine
Pubblicazione iscritta il 26/03/1983 al n.10 del Registro della Stampa presso il Tribunale di Palermo Direttore:
Vincenzo Baglione
Tutti i diritti sono riservati
E-mail: albaria@tin.it

Lettera per un amico scomparso

camillo.jpg (34234 byte)

Lunedi 28 agosto 2000. Come passa veloce il tempo. Sono passati appena un paio di giorni dal tragico evento e gi tutto si confonde nella mia mente.
Ma cominciamo da capo, quasi ad una settimana da oggi.
Giovedi 24 agosto 2000
Ore 13,30 sono a Mazara del Vallo con i miei allievi, la macchina piena di tavole in speranza del vento e la testa un po in aria visto il poco sonno. La sera prima cisi visti fino a tardi. I pretesti sono tanti: Marco Casagrande e tanti altri amici organizzano in spiaggia al club, Riccardo parte per le Olimpiadi, "cazzo", rivedere gli amici di sempre e quant'altro.
Squilla il telefonino. Pronto chi parla? Ciao Nico sono Micaela - ciao Micaela come va, a che devo la telefonata (Micaela fa la giornalista). "Sai Nico ieri c' stato un brutto incidente," dico, ma cosa successo?
Volevo sapere se conosci un ragazzo che come te fa l'istruttore di windsurf, un certo Camillo.
Camillo come? Camillo Coco.
Certo che lo conosco, sai ieri sera, anzi sta notte eravamo alla stessa festa, ma come sta?
Nico non so come dirtelo ma successo.
Cosa successo?
Si schiantato con la moto, mi dispiace di darti questa notizia.
Chiedo ancora, ma in quale ospedale si trova?
No, Nico non c' proprio nulla da fare mi dispiace, proprio successo il peggio.
Dico io, morto?
Purtroppo proprio cos risponde Micaela.
La mia macchina si stoppa al centro della strada e gi le auto dietro suonano e il mio cervello va in tilt, cazzo ma come possibile morire a questa et e pieni di vita, troppa vita.
Purtroppo possibile.
Venerd 25 agosto 2000
Cosi ci siamo rivisti tutti, velisti surfisti come una grossa famiglia per dare l'ultimo saluto terreno ad un amico che andatovia, cosi tutti assieme come quando andiamo per mare senza differenza di sesso ne di limiti di et e barriere sociali cos come siamo, belli come sempre ma troppo tristi!
Cosa dire, forse se l' cercata, e la trovata dietro una curva che lo attendeva.
Una amica mi ha detto che spesso lei definiva dei gesti impulsivi bonariamente come delle "CAMILLATE", si ma non si pu morire a 27 anni per una camillata, perch CAmillo era troppo pieno di vita, e disponibile, io sapevo un po tutto di lui perch spesso parlavamo del pi e del meno, e so anche che era giusto definire delle sue azioni delle camillate, perch era troppo impulsivo, troppo irruento, troppo istintivo ma era anche un atleta ed un amico, per me un amico pi piccolo un amico del mare.
Ma purtroppo dovremmo sempre ricordarci che gli uomini possono perdonare le Camillate ma la vita no, non guarda in faccia nessuno, ci gira le spalle e se ne va.
Ciao Camillo
Con affetto Nico Di Bartolo