Agenzie di stampa

Adnkronos

Agenzia Italia

Ansa

Asca

France Press
Italpress

Reuters

Associated Press


EUROMETEO.COM

 

Prima Pagina un servizio di Albaria per evidenziare alcuni avvenimenti che corredati da immagini fotografiche potranno essere in seguito pubblicati anche sulla rivista Albaria Magazine

Pubblicazioni
Albaria Magazine

Copyright 1997 Albaria Magazine
Pubblicazione iscritta il 26/03/1983 al n.10 del Registro della Stampa presso il Tribunale di Palermo
E-mail: albaria@tin.it

 

 

 

 

 

CABARETE
UN PARADISO DA
SCOPRIRE

 

 

di Edoardo Bruno

Alla domanda: esiste il paradiso? Voi come rispondereste. Per un amante del windsurf, ma non solo, la risposta e semplice: se il paradiso non esiste CABARETE ci si avvicina molto. Questa meraviglia tropicale si trova al nord nella Repubblica Dominicana (l'isola d'Ispaniola per Colombo), a 300Km da Santo Domingo ed a 30 min. d'auto dall'Aeroporto internazionale di Puerto Plata. Immaginate una striscia di sabbia lunga una decina di chilometri bagnata dall'oceano Atlantico (acqua non cristallina ma pulita), assediata da decine di centri di windsurf tra i piu' conosciuti e famosi (Mistral, Fanatic, Bic, ecc.) con attrezzature nuove ed all'avanguardia, con annessi i relativi beach bars e restaurants, ma soprattutto condizioni di vento e di mare perfette Cabarete e tutto questo ma anche molto di piu'. Le giornate calde (la temp. è intono ai 30 C) si alternano alle classiche piogge tropicali intense, per fortuna brevi e spesso notturne che lasciano il cielo di un azzurro cobalto, colore che contrasta con la lussureggiante vegetazione e con i fiori multicolori. Il Secret Garden Hotel è ideale per vivere tutto cio'.
Un vero e proprio giardino segreto, dove si ergono due corpi bassi simili alle casette della citta' delle fiabe che si vedono a Disneyland.Tutto è perfettamente curato da Monica e Goez una giovane coppia di Tedeschi trapiantati ai tropici. La cortesia e la simpatia dei padroni di casa si apprezza pure nella coreografica ed abbondante colazione mattutina ricca di frutta tropicale, marmellata, pane tostato, caffè, americano e l'immancabile frutto della passione tutto servito sotto un grande gazebo di palme davanti casa. Si spendono 20$USA per persona in doppia, 30$USA per la singola e 4$usa per il braekfast. L'unica pecca e' la distanza dal centro della cittadina ,circa dieci minuti di macchina. Noleggiare un autovettura tipo Suzuki vitara per sette giorni costa circa 4500 pesos (un pesos dominicano corrisponde a $USA 16.70) in alternativa si puo' fruire di uno pseudo servizio navetta bus privato detto" qua qua" che costa all'incirca un pesos, a dire il vero è un alternativa di sicuro colore vi potrete trovare in venti su un pulmino per dieci, vi è anche un servizio di mototaxi dove potrete vivere una esperienza tipo mission impossible, visto il modo di guida, e le condizioni delle strade. La prima cosa da fare appena arrivati e' decidere in quale centro di windsurf e' conveniente noleggiare l'attrezzatura fatevi un giro c'e' l'imbarazzo della scelta. La nostra è caduta sul centro Fanatic gestito da Sepp, che offre uno speciale sconto del 15% ai clienti del Secret Garden (attrezzatura piu'assicurazione per otto giorni circa 350$USA). Le attrezzature sono in ottime condizioni e si puo' cambiare tavola e vela a seconda delle condizioni del vento. Il nostro amico nonche'compagno di viaggio Turi ha anche potuto seguire un corso per principianti della durata di sei giorni per 105$USA. L'istruttore e' ovviamente Tedesco; fatevi un po' i conti se Turi non obbediva alle istruzioni…
Una volta dotati di attrezzatura siamo pronti ad affrontare: Onde da 1.50m a 4m su di un reef distante dalla spiaggia una cinquantina di metri( si salta mure a dritta) ,dalla spiaggia al reef acqua piatta con tanti ciop, il vento costante 20.nd inschore si alza come per magia quotidianamente alle 15:00 per durare sino alle 19:00 dalla mattina sino al primo pomeriggio si creano le condizioni ideali per i principianti. In alternativa al windsurf si puo' fare del surf da onda poco distante (onde da un mercoledì da leoni) o provare il Kitesurf, come ha fatto Vinci, nelle diverse scuole vicine al Secret Garden, il corso per tre giorni che vi consente di planare costa circa 200$USA, esperienza sicuramente da provare anche a detta di Vinci. Dopo avere speso tutte le energie surfando si è pronti per vivere la notte tra gli innumerevoli locali sulla spiaggia.La cucina dominicana è ricca di sapori diversi e contrastanti, il riso con i piselli, mais ed ananas, fagioli in salsa, vi è anche del pesce fresco fritto, ma per la verita' molto distante dal sapore del nostro pesce mediterraneo, cosi'come le aragoste. Ma la vera specialita'dominicana è sicuramente il "pollo al carbon", pollo alla brace servito con un contorno di banane fritte e riso pilaf o spaghetti col sugo di pomodoro "l'unica cosa in comune con i nostri spaghetti è la forma" tutto il resto il lascio alla vostra fantasia. Per i piu' temerari si può provare le famose zampe di gallina fritte. Tutto è annaffiato dalla cerveza "presidente" servita mucho fria valore alcolico 6% si sopporta bene e si beve in fretta. Tra tutti i ristoranti dominicani provati il ristorante Pollo al Carbon gestito da diverse mamie e dal Il Mejo (il proprietario si chiama cosi') e' sicuramente quello piu' caratteristico, non tanto per il posto in cui si trova (sotto il ripetitore dei telefonini) ma per l'atmosfera cordiale e variopinta accompagnata da salse e merengue.Con 15$USA potrete mangiare a volonta'.Vi è anche il ristorante la "Casita" sulla spiaggia di Cabarete, atmosfera affascinante ma prezzi alti. Tutt'altro posto e' il ristorante L'Atlantique un balcone che si affaccia sul golfo di Sosua, cittadina poco distante da Cabarete. La cucina è tipicamente francese ed e molto curata, ottimo il pesce ripieno di frutti di mare. Il vino è buono, anche se la scelta è limitata. Antipasto, vino, secondo e dessert circa 30$USA per persona (molto distanti dal pollo al carbon ma…). Dopo lo stomaco anche il resto del corpo vuole la sua parte, ed è per questo che si comincia il giro dei locali sulla spiaggia.Vi si trova tutta la gente che di giorno hai visto volare tra le onde, rincontri anche uno dei tanti cani cui hai dato una carezza e che è diventato il tuo migliore amico. Puoi scegliere se buttarti in una merengue con una "cica" locale (molto cordiali e ospitali con lo straniero) al "Tribe", o ascoltare e ballare la musica Internazionale al "Nono"con tanta gente dell'Europa settentrionale. L'atmosfera cambia al "Pitu' bar" sicuramente piu' tranquilla e rilassante. Il soggiorno vola in fretta, ma ciò che ti resta è la voglia di voler ritornare presto Hola a tutti.